Sviluppo psicomotorio nel terzo anno di vita

0 218

Sviluppo psicomotorio nel terzo anno di vita

In precedenza abbiamo analizzato lo sviluppo psicomotorio nel secondo anno di vita, ora vediamo insieme cosa succede nel terzo anno di vita.

Sviluppo 2-3 anni

Dal punto di vista posturo-motorio il bambino consolida le coordinazioni cinetiche semplici (camminare avanti e indietro anche trasportando oggetti di grandi dimensioni, correre, salire e scendere le scale, calciare la palla), per poi prepararsi all’acquisizione delle coordinazioni cinetiche più complesse (per esempio, saltare a piedi pari; giù da un panchetto; dentro a un cerchio), intorno ai 3 anni.

Sviluppo psicomotorio nel terzo anno di vita Dal punto di vista relazionale e sociale il bambino imita il comportamento degli altri, specialmente quello dei più grandi; è più consapevole della propria individualità; mostra maggiore eccitazione per la compagnia di altri bambini. Dimostra una maggiore indipendenza e raggiunge il controllo sfinterico. Inoltre, inizia a mostrare un comportamento “insolente” e presenta ansia da separazione al calare della sera. Dal punto di vista della cognizione e del linguaggio, il bambino trova oggetti anche quando nascosti sotto più strati; inizia a discriminare per forma e per colore; indica oggetti e disegni sotto richiesta. Riconosce nomi di persone, oggetti familiari e parti del corpo. A livello di abilità manuali, il bambino scarabocchia (a 2 anni si osserva uno scarabocchio circolare e 3 anni compare l’omino girino, che costituisce il primo abbozzo della figura umana); costruisce torri con più di 4 pezzi; apre e chiude barattoli; effettua i travasi; avvita e svita; manipola materiale plasmabile. Come abbiamo visto in precedenza, intorno ai 2 anni il bambino parla in terza persona, usa parola-frase (una parola al posto di una frase) e poi frase nucleare: due parole per una frase (per esempio “mamma là”).

Sviluppo psicomotorio nel terzo anno di vita

Ai 3 anni il bambino si trova nello stadio grammaticale: utilizza la frase nucleare espansa (soggetto-verbo-oggetto), coordina due frasi, usa il genere, il plurale, gli articoli, gli aggettivi, i pronomi. Ripete parole ascoltate durante una conversazione. È il periodo della prima persona “io”; inizia a comprendere il significato di sotto/sopra, davanti/dietro, vicino/lontano, chiuso/aperto (orientamento spaziale). Comprende frasi che si riferiscono a oggetti e situazioni anche se non sono presenti visivamente.In questa fase il bambino effettua il gioco simbolico che, a partire dai 3 anni, diviene sempre più ricco nelle sequenze; il bambino si traveste, attribuisce dei ruoli e inventa dei personaggi, in collaborazione e condivisone anche con altri bambini. Il gioco si caratterizza di fantasia e creatività. Inoltre, il bambino gioca con incastri 3D e con il duplo, costruisce torri, gioca con materiali plasmabili (pongo, Das, pasta sale).

Dott. ssa Giulia Franceschi

Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva

Sviluppo psicomotorio nel terzo anno di vita

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.