Coronavirus e salute psichica

Un piccolo vademecum per genitori e figli

0 266

Coronavirus e salute psichica

Lo scenario del Paese al momento è altamente drammatico e presenta delle problematiche non solo sanitarie ma anche economiche e sociali di un certo rilievo. Il virus COVID-19 ci ha costretti a modificare improvvisamente la nostra quotidianità, ad uscire dalle nostre zone di comfort, a scontrarci con frustrazioni di vario tipo e ritrovarci a dover fronteggiare le nostre ombre psichiche. Ci ha colti impreparati e ci rende ancor più vulnerabili la mancanza di un tempo definito: quanto durerà questo stallo? Cosa ne sarà di noi dopo?

Risulta di estrema importanza mantenere una lucidità emotiva anche se, in alcune situazioni, è altamente complesso rimanere calmi e sereni.

In particolar modo, le difficoltà che molte famiglie stanno riscontrando hanno a che fare con la reclusione in casa e l’impossibilità di mantenere contatti con l’esterno.

Molte le situazioni di difficile gestione: bambini che non frequentano la scuola e sono isolati in casa senza poter vedere amici e parenti, senza poter godere di momenti all’aria aperta; genitori costretti a lavorare in modalità Smart Working e nel frattempo supportare i figli nel seguire il programma scolastico; coppie separate che devono gestire diversamente accordi ed equilibri- ad esempio il diritto di visita per il genitore non convivente- per quanto riguarda la gestione dei figli .

In tutti questi casi è importante ritagliare un momento per se stessi, riordinare le idee e non sottovalutare l’aiuto da parte di professionisti della salute mentale. Si tratta di un’emergenza che colpisce tutti noi in vari modi e potrebbe lasciare degli strascichi emotivi traumatici che è bene prevenire o affrontare per tempo.

Coronavirus e salute psichica

Ecco un piccolo vademecum per cercare di affrontare questa nuova e speriamo temporanea quotidianità nella maniera più funzionale possibile.

  • Analizzare le proprie paure: cosa ci fa più paura? un possibile contagio? La salute dei nostri cari lontani? La situazione economica? La paura è un segnale importante che bisogna ascoltare ma non dobbiamo farci sopraffare da essa. Il primo passo da fare è capirne l’origine e cercare di affrontarla attivando tutte le risorse necessarie. Le nostre paure sono sempre legittime e necessitano di un canale di sfogo e di elaborazione.
  • Riflettere a 360 gradi: rimanere chiusi in casa non significa chiudere anche la mente. Seppure la situazione sia grave per tutti esistono varie sfumature da valutare. Empatizzare con chi si trova in difficoltà maggiori aiuta a diventare più consapevoli delle proprie fortune e a goderne maggiormente smettendo di dare tutto per scontato.
  • Imparare ad apprezzare gli attimi e le piccole cose: quando ripensiamo ad alcuni momenti del passato siamo malinconici e ci sembra che il tempo scorra troppo in fretta. In questo tempo dilatato possiamo fare scorta di attimi magici: il sorriso dei nostri figli, un disegno inaspettato, una ricetta che normalmente non avremmo avuto il tempo di preparare, una tavola apparecchiata con più cura.
  • Organizzare le giornate e ricreare una routine: soprattutto per chi ha figli è molto sano scandire la giornata in vari momenti ben definiti e verbalizzarlo o ancor meglio scrivere una sorta di calendario giornaliero. L’organizzazione ideale sarebbe quella di dividere la giornata in quattro parti in cui il bambino possa soddisfare tutte le sue esigenze relative allo sviluppo psichico, cognitivo e fisico:Coronavirus e salute psichica
    1. movimento ed esposizione al sole (va benissimo anche in balcone o areando la casa al mattino);
    2.  attività strutturata per sviluppare le abilità cognitive quali la concentrazione, l’attenzione e il problem solving
    3. igiene personale e attività casalinghe come cucinare, riordinare, pulire insieme al genitore per sviluppare il senso dell’autonomia e lo spirito di collaborazione; momento del relax che può essere il gioco libero o la visione di un film o una lettura condivisa.

Fondamentale è anche il mantenimento degli orari dei pasti e del sonno. Evitate il lassismo, mantenete delle regole che servono per contenere ed orientare il bambino anche da un punto di vista emotivo.

  • Ritagliate uno spazio per voi: la giornata con i figli in casa risulterà impegnativa, soprattutto se siete in Smart Working. Pertanto nelle ore serali o nei primi momenti del mattino strutturate almeno un’ora per voi: una telefonata di piacere, qualche esercizio fisico, la lettura di un libro.
  • Tenete in considerazione un supporto psicologico online: vi saranno momenti di sconforto e può essere utile rivolgersi ad professionista della salute mentale per avere un confronto sulle proprie paure, sul proprio stato psichico e dei suggerimenti anche pratici su come affrontare le giornate in questo periodo di difficoltà

Dott.ssa Simona Bianchini

Psicologa-Psicoterapeuta

Coronavirus e salute psichica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.